Gregg L. Semenza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gregg Leonard Semenza (Flushing, 1º luglio 1956) è un medico statunitense.

Nel 2019 gli viene assegnato il Premio Nobel per la fisiologia o medicina insieme allo statunitense William Kaelin Jr. e al britannico Peter J. Ratcliffe "per le loro scoperte su come le cellule percepiscono e si adattano alla disponibilità di ossigeno".[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Semenza si è diplomato alla Sleepy Hollow High School nel 1974.[2] Come studente alla Harvard University, ha studiato genetica medica e mappato geni sul cromosoma 21.[2] Per il suo dottorato di ricerca presso l'Università della Pennsylvania, ha sequenziato i geni legati alla beta-talassemia[2][3][4].

Successivamente Semenza ha completato la sua specializzazione in pediatria presso la Duke University Hospital[5] prima di accettare una borsa di studio post dottorato presso la Johns Hopkins University.[2] Semenza divenne il direttore fondatore del Programma Vascolare presso il Johns Hopkins Institute for Cell Engineering dopo il suo post-dottorato.[2]

Ricerche[modifica | modifica wikitesto]

Durante il suo post-dottorato presso la prestigiosa John Hopkins, Semenza ha valutato l'espressione genica negli animali transgenici per determinare in che modo fosse influenzata la produzione di eritropoietina (EPO), nota per essere coinvolta come risposta all'ipossia o ai bassi livelli di ossigeno nel sangue.[6] Semenza ha identificato le sequenze geniche che esprimevano le proteine dei fattori inducibili dall'ipossia (HIF).[6] Il lavoro di Semenza ha mostrato che le proteine HIF erano composte da due sub-unità: HIF-1β, una base stabile per la maggior parte delle condizioni, e HIF-1α che si sono deteriorati quando erano presenti livelli nominali di ossigeno. L'HIF-1α è stato inoltre ritenuta essenziale per il processo di produzione di EPO, in quanto è stato scoperto che i soggetti testati per essere carenti di HIF-1α avevano vasi sanguigni malformati e livelli di EPO ridotti.[6] Semenza ha inoltre scoperto che la sovrapproduzione di HIF-1α potrebbe portare al cancro in altri soggetti.[6] La ricerca di Semenza si è sovrapposta a quelle di William Kaelin e Peter J. Ratcliffe sulla determinazione del meccanismo di rilevazione dell'ossigeno nelle cellule e su come la produzione di EPO è regolata da HIF e altri fattori. Ciò ha portato allo sviluppo di farmaci che aiutano a regolare questi processi per i pazienti con anemia e insufficienza renale.[7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) The Nobel Prize in Physiology or Medicine 2019, su nobelprize.org. URL consultato il 7 ottobre 2019.
  2. ^ a b c d e Farooq Ahmed, Profile of Gregg L. Semenza, in Proceedings of the National Academy of Sciences of the United States of America, vol. 107, nº 33, 17 agosto 2010, pp. 14521–14523, DOI:10.1073/pnas.1009481107. URL consultato il 13 novembre 2019.
  3. ^ (EN) Shawna Williams / Published Sept 13, 2016, Johns Hopkins geneticist Gregg Semenza wins Lasker Award for insights into how cells sense oxygen, su The Hub, 13 settembre 2016. URL consultato il 13 novembre 2019.
  4. ^ MOLECULAR GENETIC ANALYSIS OF THE SILENT CARRIER OF BETA THALASSEMIA (HAPLOTYPE) - ProQuest, su search.proquest.com. URL consultato il 13 novembre 2019.
  5. ^ (EN) Gregg L. Semenza, su Gairdner Foundation. URL consultato il 13 novembre 2019.
  6. ^ a b c d Jillian H. Hurst, William Kaelin, Peter Ratcliffe, and Gregg Semenza receive the 2016 Albert Lasker Basic Medical Research Award, in The Journal of Clinical Investigation, vol. 126, nº 10, pp. 3628–3638, DOI:10.1172/JCI90055. URL consultato il 13 novembre 2019.
  7. ^ (EN) Heidi Ledford e Ewen Callaway, Biologists who decoded how cells sense oxygen win medicine Nobel, in Nature, vol. 574, 7 ottobre 2019, pp. 161–162, DOI:10.1038/d41586-019-02963-0. URL consultato il 13 novembre 2019.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44468835 · ISNI (EN0000 0001 1568 6939 · LCCN (ENno98120241 · ORCID (EN0000-0002-0913-211X · GND (DE1196562121 · BNF (FRcb13594278r (data) · WorldCat Identities (ENno98-120241